Cagliari. Indagini archeologiche presso il Bastione di Santa Caterina. Campagna 2012-2013

Sabrina Cisci, Matteo Tatti

Abstract


La ripresa delle indagini presso il Bastione di Santa Caterina ha permesso di completare le scoperte della precedente campagna del 2009-2010. In particolare, sono stati individuati altri ambienti verosimilmente da connettere ad alloggi legati alle strutture difensive che occuparono il sito dall'età medievale in poi. Inoltre è stata messa in luce nella sua interezza una struttura ipogea, probabile cisterna punica, trasformata in luogo di culto in età romana, che fu riutilizzato in epoche successive e destinato a discarica nell'altomedioevo. Quest’ultima ha restituito interessanti reperti ceramici ascrivibili a produzioni finora raramente attestate nei contesti meridionali dell'Isola, quali la forum ware e la sovradipinta.

The resume of the excavation at the bastion of Santa Caterina has allowed us to complete the findings of the previous 2009-2010 campaign. Specifically other areas have been identified likely to be connected to housing related to the defensive structures that occupied the site from the Middle Ages onwards. It was also revealed in its entirety an underground structure, a probable Punic tank, transformed into a worship place in the Roman era, reused in later periods and destined to landfill in the early medieval age. The latter has yielded interesting pottery attributable to productions so far rarely attested in the southern island contexts, such as forum ware and overpainted.


Keyword


strutture difensive; cisterna punica; discarica; ipogeo; ceramica altomedievale; defensive structures; Punic tank; landfill; hypogeum; early medieval pottery

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Licenza Creative Commons
Quaderni (ISSN 2284-0834) by Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Cagliari e le province di Oristano e Sud Sardegna is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.